La missione della LILT sezione friulana della provincia di Udine si sviluppa, principalmente, su tre fronti:

prevenzione primaria (eliminazione delle cause di tumore note o sospette) propagandando abitudini di vita che contrastino l’insorgere di malattie oncologiche.

prevenzione secondaria (identificazione dei gruppi a rischio, identificazione e trattamento delle lesioni pre-neoplastiche; diagnosi pre-clinica, diagnosi precoce) promuovendo nei cittadini una cultura della anticipazione diagnostica, sensibilizzando alla prevenzione le organizzazioni che operano nel campo socio-sanitario e ambientale, sostenendole nella loro azione, integrando i servizi da loro offerti, incoraggiando la formazione e l’aggiornamento del personale socio-sanitario e dei volontari.

sostegno al malato e alla sua famiglia (offerta di supporto consulenziale, materiale e di beni relazionali) aiutandolo a rapportarsi con i diversi soggetti che partecipano alla sua cura, provvedendo assistenza psicologica, fornendo aiuto per la riabilitazione ed il reinserimento sociale, mettendo a disposizione una rete di solidarietà e di sicurezza, attenuando la distanza emotiva tra paziente e persone che lavorano nelle istituzioni.

free football betting tips oddslot professional soccer betting picks uk

Per perseguire la sua missione la LILT sezione friulana della provincia di Udine si impegna a:

  • svolgere campagne di sensibilizzazione finalizzate alla prevenzione di specifiche forme tumorali;
  • fare formazione per docenti e referenti alla salute;
  • organizzare convegni su argomenti di settore;
  • appoggiare e sostenere iniziative specifiche del sistema sanitario;
  • realizzare e gestire strutture dedicate alla erogazione di servizi sanitari;
  • integrare l’attività del sistema sanitario;
  • promuovere, organizzare e supportare il volontariato;
  • favorire il collegamento e l’aggregazione delle organizzazioni con obiettivi analoghi nonché la definizione di un’offerta complessiva che copra tutte le esigenze del malato;
  • collaborare e coordinarsi con: le amministrazioni, le istituzioni, gli enti e gli organismi nazionali, regionali e territoriali che operano nell’ambito socio-sanitario-ambientale ed in particolare con quelli che si occupano della prevenzione oncologica; le istituzioni scolastiche, le organizzazioni sindacali e imprenditoriali. le associazioni di servizio ed il volontariato;
  • raccogliere dagli associati e dai simpatizzanti risorse per il sostegno dell’attività. 

 

FONDAMENTI STATUTARI PER LE ATTIVITA’ DELLA SEZIONE PROVINCIALE DI UDINE DELLA LILT

ART. 5. ...L’Associazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale e si propone il conseguimento di finalità ideali e senza scopo di lucro, tese a promuovere e realizzare, attenendosi alle direttive impartite dagli organi centrali dell’Ente limitatamente al proprio ambito territoriale, ogni tipo di iniziativa per far conoscere, potenziare a valorizzare gli scopi della Lega stessa ed essenzialmente la ricerca e la prevenzione nel campo delle malattie oncologiche. In particolare le attività che l’associazione si propone di compiere per il conseguimento della propria finalità ideale, consistono in:

a) Iniziative di studio e ricerche in campo oncologico;

b) Attività di informazione e di educazione alla salute;

c) Realizzazione dei programmi per la formazione e l’aggiornamento del personale medico e non medico e dei volontari;

d) Attività di prevenzione oncologica e di diagnosi precoce, di assistenza psico-sociale, di riabilitazione e di assistenza domiciliare, anche attraverso varie espressioni di volontariato, nel rispetto della normativa concernente le singole professioni sull’assistenza sanitaria;

e) Programmazione oncologica elaborata in sede centrale e periferica, curando in costante collegamento con le varie istituzioni pubbliche e private qualificate aventi finalità oncologiche e correlate all’oncologia;

f) Interscambio di informazioni con organizzazioni similari;

g) Raccolta del supporto economico pubblico e privato per la lotta contro i tumori;

h) Iniziative per il miglioramento della qualità della vita e dell’assistenza oncologica;

i) Altri compiti che possono essere attribuiti dalle leggi e da altre fonti normative.